News

Il Carnevale in Basilicata | Hotel degli Ulivi
24 Feb

Il Carnevale in Basilicata: maschere e tradizioni locali

Il Carnevale è un periodo festivo tradizionalmente molto sentito in Basilicata.
Il 17 gennaio, giorno in cui inizia il Carnevale, è la festa di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali domestici
In alcuni comuni lucani, come San Mauro Forte e Tricarico, facilmente raggiungibili dall’Hotel degli Ulivi perché collocati lungo la Basentana, in occasione della festa di Sant’Antonio hanno luogo le processioni dei campanacci, il cui suono segna l’inizio del periodo carnevalesco. Mentre in altri comuni lucani le sfilate si organizzano e animano le vie in altri momenti del periodo festivo.

I Carnevali in Basilicata

La sfilata dei campanacci di Tricarico si svolge la mattina del 17 gennaio e si sviluppa per le vie del paese in maniera molto caotica. Vi partecipano maschere di sesso maschile che rappresentano una mandria di vacche (costume bianco con nastri colorati) e di tori (costume nero con nastri rossi e neri) guidati da una capomassaro, un sottomassaro e tre vaccari.
A San Mauro Forte, invece, la sfilata dei campanacci, molto celebre, ha luogo la sera del 16 gennaio o durante il sabato successivo a questa data. A questa sfilata partecipano squadre mascherate, formate da persone che portano campanacci di diverse dimensioni. Ogni squadra è guidata da un caposquadra e procede in maniera ordinata per favorire l’ottenimento di coerenza sonora.
Il carnevalone montese va in scena il giorno del Giovedì grasso, le maschere montesi si riconoscono perché realizzate con materiali riciclabili disponibili al momento: carta, cartoni, stoffe di vecchi vestiti. Tra i personaggi della sfilata è possibile riconoscere il Carnevalone, sua moglie la Quaremma che porta in braccio Carnevalicchio, un pupazzo vestito di bianco che simboleggia il nuovo, e “U’ Fus’” una parca romana che soprassiede al destino dell’uomo.
Le maschere cornute di Aliano sfilano per le strade del piccolo paese lucano il martedì grasso, simboleggiano creature demoniache e goffe dal carattere minaccioso. Vengono realizzate in argilla da artigiani locali e sono molto colorate e decorate.
Infine, il protagonista del Carnevale di Satriano è il “Rumit”, un uomo albero rivestito di edera. La sfilata che rappresenta una foresta che cammina ha luogo il sabato e la domenica che precedono il martedì grasso.
Le sfilate di carnevale animano anche le vie di altri comuni lucani, avere voglia di scoprire qualcosa di nuovo è il proprio passo per conoscere gli eventi che caratterizzano il territorio lucano.

Che ne dite di un viaggio alla scoperta delle bellezze della Basilicata?
Vi aspettiamo, contattateci per informazioni o prenotazioni.

Foto credit: Basilicata24